Cosa sono le quote fisse in bolletta?

16 Luglio 2019 Bolletta
Torna al magazine
Cosa sono le quote fisse in bolletta?

Ecco perché in bolletta sono presenti degli importi anche in caso di un consumo pari a zero

Una delle domande che riceviamo più spesso riguarda le quote fisse in bolletta. Anche di fronte ad un consumo pari a zero di gas o energia elettrica, la bolletta potrebbe presentare degli importi da pagare. A cosa sono dovuti?

Le “quote fisse” sono voci presenti in ogni fattura (o bolletta come siamo abituati a chiamarla comunemente) e sono legate ai costi fissi necessari per garantire la continua disponibilità del servizio di fornitura. Queste quote sono previste dall’Autorità e applicate da tutti i fornitori presenti sul mercato.

In concreto, sono le spese necessarie per far muovere tutta la complessa macchina che porta il gas e la luce nelle nostre case. Queste quote non variano a seconda dei consumi, ma sono dei canoni fissi necessari alla gestione e manutenzione dei sistemi di trasporto e consegna dell’energia. Per fare un esempio, potremmo paragonare la fornitura ad un automobile. La fornitura di energia (in questo caso del carburante) varia a seconda delle necessità, mentre i costi fissi dell’automobile (assicurazione, tagliando, manutenzione, pulizia etc.) rimangono stabili nel tempo e sono necessari per farci muovere per le strade con continuità ed in totale sicurezza.

Gas, Luce e Oneri di Sistema

L’importo della quota fissa “Spesa per la materia gas naturale” (anno 2019) per un cliente domestico servito nel mercato di tutela è pari ad 5,019 €/mese (6,59 €/mese per condominio). Nel mercato libero invece il fornitore può applicare nelle proprie offerte una componente fissa differente rispetto a quella stabilita dall’Autorità, specificandolo chiaramente nell’offerta economica. L’Autorità insomma vigila sull’applicazione delle quote fisse nel mercato libero: non possono essere nascoste o presentate in maniera ingannevole.

La “Spesa per il trasporto e la gestione del contatore” invece è una voce completamente stabilità dall’Autorità (indipendentemente dal mercato tutelato/libero ed applicata nella stessa misura da tutti i fornitori) a copertura dei costi sostenuti per:

  • trasportare il gas sulle reti di trasporto nazionale e locale;
  • gestire e leggere i contatori;
  • gestire i dati delle letture.

L’importo di questa quota si differenzia in base all’area geografica della fornitura, alla portata del contatore (ai contatori per grosse utenze, ad es. le utenze condominiali o industriali, sono applicate quote fisse più alte).

Per la regione Emilia–Romagna tale importo per un tipico cliente domestico è pari a 4,45 €/mese.

Tutt’altro discorso vale invece per gli “Oneri di sistema” che hanno una componente fissa “negativa” pari a 2,25 €/mese. Questo significa che in caso di assenza di consumo sarà presente in fattura una voce a credito del cliente. Anche in questo caso non ci possono essere differenze tra mercato tutelato e libero.

Queste sono le principali Quote Fisse che potete trovare in bolletta.

Ci dedicheremo nei prossimi approfondimenti alle altre voci che potrebbero essere presenti in bolletta come le “Altre Partite” e i “Bonus Sociali”.

Se avete dubbi o domande, scriveteli nei commenti e saremo felici di rispondervi.

Il team SGR

Vuoi più informazioni?
chiama il numero Verde:
800.900.147

Oppure prenota un appuntamento, ti richiameremo noi gratuitamente.


Condividi:
Newsletter

Rimani aggiornato sul mondo dell'energia

Ti terremo aggiornato sulle ultime novità dal mondo dell’energia e non solo! Ti faremo scoprire tutti i migliori eventi del territorio e le tante iniziative del Gruppo SGR.

    pixelyoursite_submit_newsletter
    [class^="wpforms-"]
    [class^="wpforms-"]
    [class^="wpforms-"]
    [class^="wpforms-"]